Chef Maurizio Santin - La Cucina a Modo Mio - Parola di Chef

Ricette rivisitate
Interviste Golose
Corsi di degustazione
e tanto altro
Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi Siamo
Maurizio Santin

Maurizio Santin, figlio di Ezio Santin dell'Antica Osteria del Ponte, due stelle Michelin, situato a Cassinetta di Lugagnago MI, terminato il liceo si avvicina alla cucina del padre, dove scopre la grande passione per la pasticceria. Il colpo di fulmine che ha conquistato Santin all'arte della pasticceria è arrivato grazie alla "millefoglie di cioccolato di Jacques Maximin", gustata durante una vacanza a Nizza, che ancora oggi Santin ricorda come "una cosa incredibile". Pasticcere per caso o per gola, Santin è diventato negli anni un pasticcere per professione. Allontandosi dal padre, Ezio Santin, uno degli chef che con Gualtiero Marchesi agli inizi degli anni Settanta ha dato una svolta alla cucina italiana, il giovane Maurizio Santin si trasferisce in Francia. È durante il percorso francese che Maurizio Santin si avvicina all'idea, oggi perfettamente realizzata, che in pasticceria, come in cucina, non c'è più nulla da inventare, ma nuovi sapori e nuove sensazioni possono nascere da nuovi assemblaggi, sempre con una grande attenzione e cura per gli ingredienti. La formazione Santin vanta nel suo curriculum collaborazioni con Joel Robuchon (3 stelle Michelin), Alain Ducasse (3 stelle Michelin), Federic Bau, George Blanc (3 stelle Michelin) ed il ristorante Taillevant a Parigi (3 stelle Michelin). Santin vuole "lasciare il segno", esprime determinazione e grinta, tanto che diventa executive chef fino al 2007 per il Gamberorosso, miglior pasticcere dell'anno nel 2008 per Identità Golose e nel 1998 per la guida dell'Espresso, nonchè grande protagonista di Gambero Rosso Channel con le trasmissioni "Dolcemente" e "Dolcemente con". In televisione Maurizio Santin conduce su Gambero Rosso Channel la trasmissione: "Dolcemente" e "Dolcemente con..." dove presenta quotidianamente una ricetta golosa da poter realizzare anche a casa: "Provateci, non è difficile!" è il suo invito ai telespettatori. È grazie a Francesca Barberini, collega di Gambero Rosso Channel, che è nato il soprannome di "Cuoco Nero", un po' per il colore della sua divisa, e un po' per il carattere, piuttosto "pignolo" dello chef. Impegni Maurizio Santin desiderava aprire un suo locale, dove si potesse offire ai clienti un menù per il pranzo ed uno per la cena, uno spazio wine bar, una zona caffetteria, pasticceria. Maurizio Santin ha aperto un suo ristorante a Roma, chiamato appunto "Il Cuoco Nero", locale versatile ed innovativo con una ricca carta dei dolci. È insegnante presso la scuola di cucina "Incontri con lo chef" di Milano, presta consulenze ed è stato direttore artistico della  scuola di alta cucina Mise en Place di Napoli. Santin e il cioccolato Per Maurizio Santin l'ingrediente in pasticceria più importante e amato è senza dubbio il cioccolato. Ma la genialità dello chef ha fatto sì che al cioccolato si possano abbinare anche sapori ed ingredienti insoliti. È così che ha accolto la sfida lanciata da Negroni, nota azienza della salumeria italiana, per la realizzazione di un “panino d’autore” che abbinasse un salume della tradizione italiana con il cioccolato. Santin non solo ha accettato la sfida, ma ha anche vinto, creando il panino d'autore ufficiale per Eurocholate 2008. «Una base neutra come il pane francese, moderatamente croccante con una fine mollica, fa da base alla maionese aromatizzata alla vaniglia, dove l'esotico profumo sposa la leggera acidità della salsa, lasciando solo intuire la presenza dell'uovo. Le foglie di insalata lollo le ho scelte per la loro colorata croccantezza e per l'ariosa freschezza; le fette di coppa di Zibello Villa Gambara sono il lato sapido e mordente. Il tutto sormontato dalle scaglie di cioccolato fondente al 80% che, su consiglio di mio padre Ezio, sono la firma sul mio panino.» Tratto dal blog ufficiale Mauriziosantin.com.

Parola di Chef - Ascolta l'intervista del mese d'Agosto
Torna ai contenuti | Torna al menu